Libero Cinema in Libera Terra è la carovana di cinema itinerante contro le mafie che viaggia per la penisola, e oltre i confini, allestendo spazi cinematografici temporanei all’aperto, in luoghi simbolici dove montare schermo e proiettore per portare le emozioni del cinema direttamente alle persone.
Il festival di cinema itinerante si tiene nelle piazze, nei parchi, nelle periferie, nelle terre e nei beni confiscati ai mafiosi e propone per ogni tappa titoli di impatto, interesse e riflessione per il pubblico, per promuovere l’allargamento degli spazi democratici e la cultura della legalità. Sorprende dove arriva, e la sorpresa è nemica delle mafie, come la cultura.

Il festival è promosso da Cinemovel Foundation e da Libera, la rete di associazioni contro le mafie fondata da Luigi Ciotti; Partner istituzionale è la Fondazione Unipolis. Il Festival è realizzato con il sostegno di SIAE, BNL Gruppo BNP Paribas, Eni, Coop Alleanza 3.0, Unilog Group.

Il programma 2017 propone una selezione di titoli che affrontano con linguaggio innovativo i temi principali legati all’attività di Libera e della Fondazione Cinemovel: la lotta per la legalità e contro il crimine organizzato, ma anche più in generale la difesa dei diritti umani e il sostegno ai valori morali e sociali che ispirano le legislazioni e le comunità internazionali più avanzate. I film sono selezionati in collaborazione con Fabrizio Grosoli, gli spettatori di questo particolare festival vedranno: La guerra dei cafoni di Davide Barletti e Lorenzo Conte; Before the Flood di Leonardo di Caprio; Libere, Disobbedienti, Innamorate di Mayasaloun Hamoud; Sole, cuore, amore di Daniele Vicari; Libere di Rossella Schillaci; La mafia uccide solo d’estate e In guerra per amore di PIF; L’ora legale di Ficarra e Picone; Mexico di Michele Rho; La rivoluzione in onda di Alberto Castiglione; La natura delle cose di Laura Viezzoli.
Tutte le serate del festival saranno aperte da uno spettacolo dal vivo tra cinema, fumetto e lavagna luminosa per raccontare piccole e grandi storie di sopraffazione mafiosa e riscatto, mescolando espressioni e linguaggi d’arte.

Fonte: http://cinemovel.tv